Seleziona la tua lingua

I 10 vulcani più pericolosi del mondo
Generale

I 10 vulcani più pericolosi del mondo

Il Pianeta Terra è ricco di aperture della superficie terrestre connesse ad una camera magmatica. Avete capito di cosa stiamo parlando, no? Proprio così, dei vulcani! Con il nostro post di oggi, infatti, potrete scoprire i 10 vulcani più pericolosi del mondo… Pensate un po’: sul nostro pianeta, di attivi, ce ne sono ben 1500!

Tuttavia, di questi 1500, due ci sono particolarmente familiari. Sapete di quali stiamo parlando, no? Ma certo, il Vesuvio e l’Etna! Del resto, il nostro paese è sempre stata terra di vulcani… E, ironia della sorte, proprio recentemente l’Etna ha ben pensato di ricordarcelo!

Se morite dalla voglia di saperne di più su queste affascinanti e imponenti strutture geologiche, continuate a leggere!

1. Eyjafjallajökull, il vulcano islandese

Magma del vulcano Eyjafjallajökull
Magma del vulcano Eyjafjallajökull

Il vulcano Eyjafjallajökul è un titano di oltre 1600 metri di altezza situato su un ghiacciaio, con ben 8000 anni di attività alle spalle. È stato protagonista di diverse eruzioni nel corso dei secoli, fra cui l’ultima nel 2010, che ha paralizzato il nord-Europa portando alla cancellazione di centinaia di voli a causa dell’imponente colonna di ceneri. Se desiderate scoprire quest’imponente colosso islandese, vi consigliamo di intraprendere un tour della costa sud dell’Islanda.

2. Il mitologico Popocatépetl

Scatto del Popocatépetl innevato
Il Popocatépetl innevato

Fra Puebla e Città del Messico si trova il vulcano Popocatépetl,un colosso di 5400 metri la cui ultima eruzione risale al 2019. Secondo la leggenda, sui suoi versanti venivano consumati rituali preispanici dalle diverse finalità.

Per scoprire la storia e il misticismo che emana dal suo cratere, vi consigliamo di partecipare ad un itinerario di trekking al Parco Nazionale Izta-Popo Zoquiapan.

3. La principessa Iztaccíhuatl

Il vulcano Iztaccíhuatl
Il vulcano Iztaccíhuatl, nel Parco Nazionale Izta-Popo Zoquiapan

All’interno del Parco nazionale Izta-Popo Zoquiapan si trova un altro dei 10 vulcani più pericolosi del mondo: l’Iztaccíhuatl. Sapevate che, secondo la leggenda, i due colossi che coronano questo splendido luogo rappresenterebbero due amanti aborigeni protagonisti di una tragica storia d’amore? Un must da visitare se vi trovate a Puebla!

4. Il Vesuvio, il vulcano più pericoloso del mondo

Le rovine di Pompei con il Vesuvio sullo sfondo
Le rovine di Pompei con il Vesuvio sullo sfondo

Nonostante le frequenti e terribili eruzioni verificatesi nel corso della storia, il Vesuvio è situato nella zona vulcanica più popolata del mondo. Quest’affascinante vulcano del nostro paese, infatti, è conosciuto per la tragedia del 79 d.C., durante la quale andarono distrutte le bellissime città romane di Pompei ed Ercolano. Sapevate che i greci e i romani credevano si trattasse di un luogo sacro dedicato ad Ercole? Se volete provare l’ebrezza di ammirare il cratere del vulcano più pericoloso del mondo, prenotate subito un itinerario di trekking sul Vesuvio.

5. L’isola di Sakurajima

Lo stratovulcano Sakurajima
Fuoriuscita di gas dallo stratovulcano Sakurajima

Lo stratovulcano Sakurajima è un gigante giapponese che, nel 1914, fu protagonista di una violentissima eruzione capace di unire l’isola di Sakurajima alla vicina Penisola di Osumi. Si tratta di una meta molto turistica in Giappone, nonché di un territorio particolarmente fertile. Qui, infatti, crescono i daikon più grandi del mondo! In più, ha ispirato alcuni importanti pellicole statunitensi, fra cui The Wrath of the Gods.

6. Il vulcano Taal, fra laghi e isole

Il Vulcan Point del vulcano Taal
Il Vulcan Point del vulcano Taal

Sapevate che il vulcano Taal è situato al centro di un lago delle Filippine?All’interno del cratere vi è un altro lago, che a sua volta ingloba un’altra isola, conosciuta come Vulcan Point. Alquanto curioso, vero? Dal XVI secolo si sono verificate 33 potenti eruzioni, dato che lo fa entrare di diritto nei 10 vulcani più pericolosi del mondo. Non a caso, viene monitorato costantemente per ovviare ad eventuali catastrofi. Se siete in vacanza a Manila, potete contemplare quest’imponente colosso partecipando ad un’escursione a Tagaytay Ridge.

7. Monte Fuji, il simbolo del Giappone

Il Monte Fuji
Campi di tè e il Monte Fuji sullo sfondo

Il Monte Fuji è la cima più alta del paese nonché il simbolo per eccellenza del Giappone. Non a caso, migliaia di alpinisti provenienti da tutte le parti del mondo vi si recano ogni anno per raggiungere la cima di questo gigante di 3776 metri. Pensate un po’: la sua importanza è tale da aver spinto il pittore Hokusai a creare una serie paesaggistica intitolata 36 vedute del Monte Fuji! Per scoprirlo, potete partecipare da un’escursione da Tokyo in cui avrete modo di conoscere anche il lago Ashi.

8. L’Etna, la potenza siciliana

La lava dell'Etna
Lingua magmatica dell’Etna

L’Etna, protagonista della cronaca odierna grazie alla sua recente eruzione, vanta una circonferenza basale di 140 chilometri e il titolo di montagna più alta a sud delle Alpi. Tali caratteristiche hanno consentito a quest’affascinante vulcano di rientrare fra i siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, complici anche le terre fertili della zona, ricche di vigneti e orti di ogni tipo. Se avete in programma di visitare la bellissima città di Taormina, non lasciatevi sfuggire l’occasione di partecipare ad un tour dell’Etna. Vi conquisterà!

9. Paricutín, nove anni di attività

Il Paricutín
Il cratere del Paricutín

Nella lista dei 10 vulcani più pericolosi del mondo non poteva di certo mancare il Paricutín, un vulcano messicano. Nel 1943, un contadino sentì tremare il suolo e avvisò il paese affinché gli abitanti fuggissero… E fece bene: la forte esplosione di gas seppellì per sempre Paricutín e San Juan Paragaricutiro. In totale, l’attività durò per ben 9 anni, 11 giorni e 10 ore. Incredibile, vero?

10. Il Teide, il gioiello canario

I colori del Teide
Il Teide

La montagna vulcanica del Teide fa di Tenerife la decima isola più alta del mondo. Sebbene la sua ultima eruzione risalga al 1798, il vulcano è tutt’oggi ricco di suggestive fumarole. Una delle piante più caratteristiche del territorio di questo stratovulcano è la violetta del Teide, uno dei fiori endemici delle Canarie.

Conoscete le leggende guance? Gli aborigeni delle Canarie credevano che l’interno del cratere del Teide custodisse l’inferno. Se vi trovate a Tenerife e siete amanti dell’avventura, che ne dite di prendere parte ad un tour in quad del sud di Tenerife? Una dose di pura adrenalina!

Altro in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *